Il nuovo film della Sirenetta: il messaggio della Disney dietro la scelta di Halle Bailey come protagonista

Il nuovo film della Sirenetta
Finalmente è uscito al cinema il tanto atteso live-action della Sirenetta. Analizziamo il messaggio di inclusività dietro la scelta dell'attrice Halle Bailey come Ariel.

Navigazione veloce

Finalmente è uscito al cinema il tanto atteso live-action della Sirenetta, di cui se n’è parlato molto nei mesi scorsi riguardo alla scelta della Disney per l’attrice afroamericana Halle Bailey come protagonista.

La scelta di un’attrice afroamericana per il ruolo di Ariel

La scelta di un’attrice afroamericana per il ruolo di Ariel nell’adattamento cinematografico de “La Sirenetta” crea continuità nella rivoluzione che la Disney sta mettendo in atto in tema di inclusività.

Il regista Rob Marshall ha esaminato centinaia di ragazze di diverse etnie. Ma quando ha sentito per la prima volta Halle cantare “Part of Your World” si è immediatamente commosso e la ragazza ha ottenuto la parte subito dopo il provino.
“Quando ho scelto Halle per il ruolo, è stato letteralmente perché era la persona migliore per quel ruolo” afferma Marshall. Infatti l’aspetto fisico del personaggio non dovrebbe essere l’unico fattore determinante per la scelta dell’attrice, ma piuttosto la sua capacità di interpretare il ruolo con talento e passione.

Le critiche sui social network

Come sappiamo, la decisione della Disney di scegliere un’attrice nera per interpretare il ruolo di Ariel ha suscitato molte reazioni, sia positive che negative.

Molti hanno elogiato questa scelta di rappresentare una maggiore diversità nel cinema e di dare voce a una nuova generazione di spettatori. Altri, tuttavia, hanno criticato la decisione, sostenendo che Ariel dovrebbe essere rappresentata come una figura bianca con capelli rossi, come nella versione originale del film.

Sicuramente, le reazioni più entusiaste e appaganti sono state quelle delle bambine afroamericane vedendo la Sirenetta in carne ed ossa simile a loro. Inoltre, tutte le critiche sono state annientate dalla prima visione del film, visto l’enorme talento dell’attrice nell’interpretare il suo ruolo.

La posizione della Disney

Nonostante le critiche iniziali, la scelta dell’attrice Halle Bailey nel nuovo film della Sirenetta ha rappresentato un importante passo avanti nella rappresentazione di figure diverse nel cinema.
La Disney ha dimostrato di essere consapevole dell’importanza della rappresentazione inclusiva e di essere impegnata a creare un ambiente più equo e diversificato per il pubblico.

La rappresentazione reale dei personaggi delle favole

La scelta di Halle Bailey come Ariel ha anche suscitato una discussione sulla rappresentazione dei personaggi delle favole in generale. Molti ritengono, infatti, che i personaggi delle favole non debbano essere rappresentati con una specifica etnia, ma piuttosto come figure universali che possano essere apprezzate da tutti.

Tuttavia, nel nostro caso, la scelta della Disney nel nuovo film della Sirenetta di rappresentare Ariel come una figura nera ha dimostrato che l’industria cinematografica può contribuire a creare un mondo più inclusivo e rappresentativo.

E tu cosa ne pensi? Condividi l’articolo per dire la tua!

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

sfoglia il menù